C'era una volta, c'è ora, ancora la scienza a scuola

 

Il modello BergamoScienza

A partire dalla terza edizione del 2005, grazie all'intuizione della Presidente Raffaella Ravasio (socia fondatrice) e alla collaborazione di alcuni insegnanti vicini, le scuole hanno iniziato ad assumere un ruolo nuovo, non più solo fruitrici delle iniziative ma vere e proprie protagoniste del Festival.
Docenti e studenti di alcuni istituti hanno accolto la sfida di progettare, realizzare e condurre in autonomia laboratori interattivi ed esperienze scientifiche da proporre al pubblico della manifestazione.
Le scuole, in questo modo, assumono il ruolo di promotori della divulgazione scientifica, offrendo ad altre scuole un’occasione formativa basata sulla formazione peer-to-peer e al pubblico generico un servizio di educazione informale che contribuisce a rinsaldare il prezioso rapporto fra cultura scientifica e cittadinanza consapevole.
Negli anni si è potuto verificare come il coinvolgimento degli studenti già nella progettazione del laboratorio e nel reperimento delle risorse, li avvicini alle idee e ai modi della scienza e della sperimentazione ben al di là di un curriculum scolastico troppo spesso ridotto all’acquisizione di contenuti.
Ma, soprattutto, è risultato evidente come questo modifichi il loro rapporto con l’istituzione scolastica, la sua organizzazione e la sua scansione temporale.

 

 

I prossimi eventi
Associazione BergamoScienza
Aperta alla partecipazione di tutti i cittadini, le imprese, le associazioni e gli enti interessati alla diffusione della cultura scientifica e tecnologica e al rilancio dell’immagine internazionale della città e della provincia di Bergamo