Pat Metheny in concerto per BergamoScienza 2017

News

NEL NUOVO TOUR DELL'ARTISTA TAPPA ALLA
XV edizione di BergamoScienza 2017

Sabato 14 ottobre 2017 ore 21.00
presso il Creberg Teatro di Bergamo

evento organizzato dall'Associazione Verbo Essere per Contaminazioni Contemporanee
in collaborazione con BergamoScienza

I biglietti sono acquistabili sul sito TicketOne

Il chitarrista Pat Metheny, vincitore di 20 Grammy Awards, ha annunciato nuove date per il tour mondiale del 2017 intitolato “An Evening with Pat Metheny”. Recentemente entrato a far parte della Downbeat Hall of Fame come il membro più giovane e il quarto chitarrista (unendosi a Django Reinhardt, Charlie Christian e Wes Montgomery), Metheny presenterà brani da tutta la sua carriera.

Dopo gli enormi successi mondiali delle registrazioni degli album “Unity Band” e “Unity Group” che gli hanno valso il Grammy e i lunghi tour che li hanno seguiti, Metheny si è preso una piccola pausa nel 2015. “Quest’anno passato è il primo momento dal 1994 in cui mi sono preso delle vere ferie. È stato fantastico potermi esercitare, fare qualche ricerca e iniziare a sviluppare qualche idea che stavo tenendo in caldo da un po’.”

Anche se il 2015 è stato meno attivo del solito per Metheny per quanto riguarda i tour, ciò nonostante ha creato “Hommage” per Eberhard Weber, un lavoro acclamato dalle critiche su larga scala, e l’ha suonato a evento in Europa, Giappone e America. Ha anche prestato servizio come Artist-in-Residence per il Detroit Jazz Festival esibendosi con i suoi complessi, con il suo partner di lunga data Gary Burton e in un duetto di recente formazione con Ron Carter, il bassista del leggendario Miles Davis.

Per questo imminente tour 2017, Metheny voleva continuare “la ricerca”. Dice Metheny “Il processo abituale in questi anni è stato per me quello che procede così: scrivere della musica, registrare un disco, fare un tour. Volevo rompere un po’ lo schema questa volta. E in più avevo così tanta musica che non avevo quasi mai suonato in tutti questi anni che ho pensato che sarebbe stato divertente e interessante mettere insieme un gruppo di musicisti molto selezionato che potesse coprire la maggior parte di tutto quello che avevo fatto in precedenza e che possibilmente potesse anche svilupparsi in qualcosa di più.”

A unirsi quest’anno a Pat sarà ancora una volta il batterista di lunga data Antonio Sanchez che è stato suo partner in diverse occasioni dal 2000. “Antonio è sempre sbalorditivo. È uno dei migliori batteristi di tutti i tempi ed essere riusciti a condividere così tanta musica in tutti questi anni è qualcosa di molto speciale per entrambi. E io sono molto orgoglioso dei suoi recenti successi per la colonna sonora di Birdman”. La colonna sonora di Antonio per il film di Alejandro G. Innaritu vincitore dell’Oscar è stata nominata per il Golden Globe e per il Grammy Award 2016 come anche per dozzine di altri premi in tutto il mondo. Pat continua dicendo “Stare sul palco con Antonio non è paragonabile a nessun’altra esperienza con altri musicisti. Lui ha la capacità di ascoltare e “star dentro” alla musica con un’intensità unica. Quella concentrazione, combinata con le sue abilità sovrannaturali alla batteria lo portano ai massimi livelli”.

La bassista Malesiana/Australiana Linda Oh è stata molto attiva sulla scena newyorkese negli ultimi anni, suonando con parecchi dei più grandi musicisti del Paese. Metheny continua dicendo “Mi piace seguire i nuovi musicisti in città e spesso esco per dare un’occhiata a quello che stanno facendo. La prima volta che ho ascoltato Linda, è subito salita in cima alla mia lista di candidati. Ha tutto ciò che ho sempre cercato: grande ritmo, grandi note e tanta immaginazione. Ma la cosa più importante che ho sempre cercato in ogni musicista è una qualità vaga e difficile da descrivere che rappresenta una particolare abilità nel connettersi, non solo con gli altri musicisti, ma anche col pubblico. Quando ci siamo incontrati, è stato semplicissimo suonare con lei. Ha continuato a raccontarmi di quanto era stata influenzata da giovane dal mio album “Question and Answer” e alcuni altri, il che è estremamente gratificante per me. Sono molto emozionato di avere la possibilità di suonare con Linda”.

A completare il complesso musicale è il pianista Britannico Gwilym Simcock, uno dei pianisti più interessanti che siano apparsi nel Regno Unito da molti anni. Dice Metheny: “Ho sentito parlare di Gwilym per la prima volta durante un viaggio a Londra qualche anno fa quando qualcuno a una stazione radio mi ha dato il suo album d’esordio e mi ha accennato che lui aveva spesso raccontato che il suo interesse per questo genere era nato da una scintilla legata all’esposizione a uno dei miei primi album; un’altra delle cose più lusinghiere immaginabili. Quanto ho ascoltato il suo CD, sono subito diventato un suo fan; Gwilym è semplicemente uno dei migliori pianisti che io abbia sentito in tanto tanto tempo. Dopo aver cercato di trovare il tempo di incontrarci per parecchi anni, nel 2014 sono finalmente riuscito a fermarmi a Londra dopo un’esibizione e a suonare un po’. Avevamo programmato di vederci per qualche ora o giù di lì, ma abbiamo finito per suonare senza interruzione per un’intera serata. È stato assolutamente incredibile quello che siamo riusciti a raggiungere così rapidamente. Ho avuto quel tipo di connessione e quella facilità nel suonare con un altro musicista a quel livello solo un’altra manciata di volte negli anni. Sono davvero entusiasta di avere la possibilità di suonare con Gwilym e pare che ci siano enormi possibilità che svilupperemo un modo davvero unico di suonare insieme”.

A proposito di come saranno le esibizioni durante tutto l’arco dell’anno, Metheny dice “Può davvero essere tutto o niente. Ho già scritto una marea di nuova musica ispirata solo dal pensiero di questo spettacolo, ma ho anche immaginato di suonare solo vecchia musica una sera, o di suonare addirittura interi album. Mi piace l’idea di lasciarlo libero di diventare qualsiasi cosa finisca per essere durante il corso del tour. In questa fase, ho così tanta musica e tutto questo è una gran cosa per me, senza limiti o distinzioni tra questo o quel periodo. Con Antonio, Linda e Gwilym, penso che siamo riusciti e riusciremo a fare un’ampia gamma di cose durante tutto questo periodo – e magari scopriremo anche cos’ha in serbo il futuro”.